2020

NOVEMBRE

(S)PARLIAMO D'ARTE

 

presso Officina Coviello

Via Tadino, 20 | Milano

 

dalle 10.00

 

20 € per tutti gli incontri

 

Numero chiuso, PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: le iscrizioni chiudono il 12 novembre

 

Per info e prenotazioni:

exfabbricadellebambole@exfabbricadellebambole.com

320 1576084 | 377 1902076

Tutto quello che avreste voluto sapere sull’arte e non avete mai osato chiedere 

 

Non è semplice definire cos’è l’arte. Spesso si crea confusione e si cade in facili luoghi comuni: “è bello ciò che piace”, “una volta gli artisti erano più bravi” e (l’umile) “lo potevo fare anch’io”. Certo, nell’ultimo secolo, sono cambiate molte cose, ma ricordiamoci che ogni arte è contemporanea al suo periodo storico. Anche Michelangelo, Goya e Caravaggio hanno avuto i loro problemi a farsi accettare. Persino l’arte di oggi può essere spiegata e poi, forse, apprezzata.

 

L’associazione culturale exfabbricadellebambole, fedele alla sua missione di formare e informare sui temi dell’arte, organizza un ciclo di 3 incontri per spiegare in modo divertente, com’è cambiata l’arte.

 

Si svolgeranno alla domenica mattina, dalle 10.00, presso l'Officina Coviello, con cui da anni collaboriamo per mantenere viva la scena culturale milanese: sarà come trovarsi a casa di amici per (s)parlare di arte. 

 

Ecco il calendario:

 

15 novembre | LA CARAMELLA DI DALÌ E ALTRI PRETESTI (Rosy Menta)

 

22 novembre | ARTE SU PELLICOLA (Alice Rabbi)

 

29 novembre | C'ERAVAMO TANTO AMATI: STORIE DI COPPIE E DI RIVALITÀ NELL'ARTE (Luca Rendina)


SETTEMBRE

ANTONINO FULCI | Un giorno dopo l'altro

VERNISSAGE

martedì 22 settembre | 18.30

 

presso Officina Coviello

Via Tadino 20 - Milano

 

 

Su appuntamento: 339 480 6167

Artista sopraffino e orafo raffinato, propone la sua ultima ricerca artistica, ma espone anche le sue creazioni di artigiano del gioiello. Opere uniche e delicate, create da una mano esperta e una mente estrosa.

 

Il mondo di Antonino Fulci è astratto, ma ricco di colori: uno spazio al di là della realtà. Dipinti sospesi, senza tempo e, qualche volta, anche scardinati dalle forme.

 

Dopo aver dovuto sospendere per qualche mese la mostra precedente, torna in uno spazio indipendente milanese, dove si sente a casa e dove si possono apprezzare le sue opere con la giusta atmosfera.

 

Testo critico di Michelangelo Coviello:

Il fuoco, per esempio, quanti colori ha? Può essere rosso, giallo, bianco, verde, blu. Un continuo cambiamento perchè la sua forma è unica. Fissa, come un archetipo, cioè un qualcosa che dura, una specie di rassicurazione che ci permette la sua rappresentazione. Una lingua di colore, una lingua di fuoco. Una fiamma intera fatta di lingue, ognuna con il suo colore. Così che la parola "lingua" esce dalla bocca che la nomina e dà senso alla visione della fiamma che a sua volta esce dal fuoco e dà senso alla visione della pittura. Così anche il colore prende forma, diventa la fiamma che si muove come una lingua che non sta mai zitta. Il Fulci parla di noi, di come siamo fatti dentro, nel fuoco che ci affina. Il lavoro di un giorno dopo l'altro.

Michelangelo Coviello



L'Arca di Noè

VERNISSAGE (su prenotazione)

 

DOMENICA 20 SETTEMBRE

DOMENICA 27 SETTEMBRE

DOMENICA 4 OTTOBRE

10.00 | 12.00 circa

 

La mostra termina il 16 ottobre

 

a cura di exfabbricadellebambole

 

presso exfabbricadellebambole

House Gallery

via G. E. Arimondi, 1 | Milano

 

Contatti:

377.1902076 | 320.0834484

exfabbricadellebambole@exfabbricadellebambole.com

 

Le vicende di quest’anno hanno mosso le coscienze di tutti.

Inevitabilmente abbiamo dovuto riflettere sulla nostra società e il nostro ruolo di individui al suo interno. Tra le cose positive abbiamo fatto chiarezza su nuovi obiettivi personali, ma anche comunitari: che mondo vorremmo?

 

Durante il periodo di lockdown abbiamo proposto agli artisti un gioco: se finisse il mondo, quale animale salveresti? Di quale essere vivente non puoi proprio fare a meno?

È sicuramente una domanda provocatoria, ma che vuole portare ad una riflessione: da soli non riusciremmo a salvare il mondo, ma ognuno può fare la sua parte.

In molti hanno raccolto la sfida e ne è uscita una mostra virtuale.

 

Ora, con i 15 artisti più votati, inaugureremo una mostra collettiva, finalmente dal vivo. Ecco la nostra Arca di Noè.

 

ARTISTI IN MOSTRA: 

 

Ingrid BALESTRO, Sara BENZONI, Francesca BORTOLASO, Vanda DIMATTIA, Maria Vittoria DORONZO, Elena GARUTI, Pasquale PERROTTI, RAREDOG, Eleonora RINALDI, Marianna ROMANI, Sara SACCHET, Fabio SCOGNAMIGLIO, Sabrina SPREAFICO, Michele STAGNI, Luca VACCHELLI


febbraio

ANTONINO FULCI | Appena posso, torno

VERNISSAGE

martedì 18 febbraio | 18.30

 

presso exfabbricadellebambole

Via Arimondi, 1 | Milano

(citofono Bonora-Menta)

 

Aperto dal lunedì al venerdì

dalle 15.00 alle 18.00

In altri orari su appuntamento 320 1576084

 

Fino a martedì 17 marzo

Il lavoro artistico di Antonino Fulci è indubbiamente pulito e delicato, preciso e meditato. Una ricerca tecnica appassionata che negli anni è mutata, ma è anche rimasta riconoscibile.

Una mostra che è un diario, un racconto del personale percepito del mondo e delle soluzioni trovate per raccontare cosa se ne è capito: la resa didascalica viene abbandonata a favore del simbolo e della libertà delle forme.

Il suo racconto approda ad uno spazio metafisico, un non-luogo temporaneo, in cui si può passeggiare, appena poco distanti da questa realtà, e restare il tempo necessario, incustoditi e tranquilli. Durerà poco, giusto il tempo di riprendere fiato, un momento tra sé e sé, per tornare appena si può.

 

Alice Rabbi